sabato 9 ottobre 2010

Installare Plymouth su Debian

Plymouth su Debian in azione
Il boot grafico possiede senza dubbio un certo fascino retrò ed un'indubbia utilità pratica, ma, talvolta, potrebbe sorgere in noi l'esigenza, o, più semplicemente, la voglia, di avere un gradevole splash animato dopo la pressione del tasto d'accensione dei nostri netbook, a farci compagnia nell'attesa della schermata di login.

Se siete tra coloro che hanno avuto un pensiero simile, questo è l'articolo che fa per voi: andremo infatti ad illustrare i semplici passaggi necessari per ottenere una animazione al boot (come quella visibile nell'immagine a lato) tramite Plymouth su netbook con sistema operativo Debian.

NOTA BENE: Plymouth è un progetto per certi versi ancora in via di implementazione definitiva in Debian. Per questo motivo la sua installazione su macchine dotate di scheda video ATI o NVIDIA, a causa del ricorso ai driver proprietari, è leggermente più ostica e richiede qualche accorgimento maggiore (tant'è che il team di LMDE ha per il momento deciso di non inserire Plymouth di default nella loro distro). Essendo l'articolo pensato per i netbook ed essendo la stragrande maggioranza dei netbook in commercio dotati di scheda grafica integrata Intel, non ci complicheremo la vita e prenderemo in considerazione solo quest'ultima ipotesi. Pre le schede NVIDIA ci limiteremo ad un breve cenno al termine dell'articolo.

CITAZIONE E RINGRAZIAMENTO: molto di ciò che segue è stato appreso tramite la lettura di questo articolo del blog Color Of Noise e del wiki di Debian, ai quali vanno i miei sinceri ringraziamenti.

Premessa: questa procedura è da ritenersi valida sia per Debian Testing/Squeeze, sia per Debian Sid, nonchè, ovviamente, per Linux Mint Debian Edition.
Inoltre, non ho fatto prove cronometrate, ma c'è da ritenere che l'aggiunta di uno splash grafico tenda a rallentare di qualche secondo il boot del netbook.

Installazione e configurazione di Plymouth in Debian per Netbook con Scheda video Intel

Fatte le dovute premesse, mettiamoci al lavoro!

Per prima cosa, per abilitare Plymouth, dobbiamo settare il KMS.
Apriamo il file /etc/initramfs-tools/modules con il nostro editor preferito e con privilegi di scrittura, ad esempio scrivendo nel terminale
# nano /etc/initramfs-tools/modules
ed aggiungiamo al file la stringa
i915 modeset=1
salviamo e chiudiamo.

Ora, installiamo Plymouth con
# aptitude install plymouth plymouth-themes-all
ed accettiamo le dipendenze (che altro non sono se non i vari temi per lo splash).

Una volta terminato, impostiamo il tema di default: ne avremo installati 5 (fade-in, glow, script, solar, spinfinity), ma, sinceramente, l'unico per il quale valga veramente la pena smanettare è il tema Solar (quello della foto in alto).
Procediamo dunque con
# plymouth-set-default-theme solar
Se volete comunque impostare uno degli altri temi, il procedimento è intuitivo: basta sostituire a "solar" il nome del tema prescelto.
Se invece volete semplicemente provare un tema "al volo" il comando da dare è
# plymouthd; plymouth --show-splash; for ((I=0; I<12; I++)); do plymouth --update=test$I; sleep 1; done; plymouth quit

UPDATE!! lihin, che ringrazio di cuore, nei commenti mi segnala di aver provveduto ad allargare la povera offerta di temi plymouth, realizzandone diverse versioni: li potete trovare qui e qui.
Inoltre, non dimenticate che è stato realizzato anche un tema plymouth ispirato all'artwork di default di Debian Squeeze, Space Fun, ed inserito nel pacchetto desktop-base.

Ora, è necessario aggiornare initramfs con
# update-initramfs -u

Infine, dovremo aggiungere la voce splash al grub. Apriamo il file /etc/default/grub, ad esempio con
# nano /etc/default/grub
individuiamo la riga
GRUB_CDMLINE_LINUX_DEFAULT="quiet"
e modifichiamola in modo che risulti come segue (ovviamente se avete precedentemente aggiunto dei parametri personalizzati per l'ottimizzazione delle SSD o per far funzionare gli hotkeys non li dovete rimuovere...quello che segue è solamente un esempio basato sui parametri di default)
GRUB_CDMLINE_LINUX_DEFAULT="quiet splash"

Salviamo, chiudiamo e concludiamo aggiornando il GRUB
# update-grub

Il gioco è fatto! Dal prossimo riavvio, potremo godere del grazioso lavoro di Plymouth!

Schede NVIDIA

Come già precisato, per schede video NVIDIA il discorso è leggermente più complesso. Se ve la sentite di provare ugualmente, un utile link dal quale partire è sicuramente questo. Seguendo le istruzioni lì riportate, personalmente, ho risolto la questione sul mio portatilone, ma non posso assicurare che la procedura valga per ogni modello Nvidia. Vale la pena di leggere anche, lo ripeto, il wiki di Debian, soprattutto se utilizzate i driver Nouveau.
UPDATE!! il solito lihin nei commenti ci segnala anche questa fonte per l'installazione su sistemi dotati di scheda Nvidia (nel link si parla di Ubuntu, ma le istruzioni sono valide e testate anche su Debian). La procedura è sostanzialmente la stessa del link da me segnalatovi in precedenza, ma qui si rendono più chiari alcuni passaggi.

34 commenti:

  1. asd lo avevo fatto in arch, su LMDE non ci avevo ancora provato, ottimo, ora non dovrò nemmeno perdere tempo a cercarmelo da me, o a compilarmi plymouth come ho fatto su arch XD, sono quindi contento dello sterminato repo debian....

    una domanda tu che versione hai? sai se per caso in unstable o experimental c'è una versione più aggiornata rispetto a testing?

    vabbè come riaccendo l'eeepc al posto di buttare opensuse butto LMDE e controllo

    RispondiElimina
  2. @Valantin
    ~$ apt-cache policy plymouth
    plymouth:
    Installato: 0.8.3-9
    Candidato: 0.8.3-9
    Tabella versione:
    0.8.3-16 0
    700 http://ftp.it.debian.org/debian/ unstable/main amd64 Packages
    *** 0.8.3-9 0
    990 http://ftp.it.debian.org/debian/ squeeze/main amd64 Packages
    100 /var/lib/dpkg/status

    ecco qui! quindi sì, la versione unstable è più aggiornata, ma io ho installato quella testing!
    Ultimamente si è aggiunto un pacchetto plymouth-drm ma non ho ancora capito bene a cosa serva!

    RispondiElimina
  3. Su LMDE funziona egregiamente!!! :D

    vorrei aggiungere che con:

    # plymouth-set-default-theme --list

    si ha la lista dei temi installati! :)
    Ottima guida!

    RispondiElimina
  4. Grazie Jean! In effetti quel comando è utile, peccato che come dicevo nell'articolo, all'infuori di Solar, gli altri temi siano parecchio caccolosi :)

    RispondiElimina
  5. @Milozzy
    Azz... Mi assento qualche giorno e vuoi mascherare Debian da Fedora?
    Scherzi a parte, anche lo Spinfinity non è male...

    RispondiElimina
  6. @AlfiereNero

    ahaha sapevo saresti arrivato a rognare :D
    Sto ancora aspettando gli isnulti di Doc :D

    Li ho provati tutti i temi ma il problema principale è che, a parte uno che mantiene uno sfondo azzurro passabile (non ricordo bene ma credo script), gli altri si presentano con lo sfondo grigio tristezza...

    Piuttosto, il pacchetto plymouth-drm ce l'avete anche in fedora? per caso sai a cosa serve?

    RispondiElimina
  7. @Milozzy

    Ottimo tips, bravo :)

    RispondiElimina
  8. @Milozzy
    No, in Fedora quel pacchetto non c'è. Nemmeno nei repo...

    RispondiElimina
  9. Non ne sono sicuro, ma dopo aver installato questa applicazione sono scomparsi numerosi programmi, tra cui gnome-themes, gnome-themes-extras, gnome-system-tools e qualche dipendenza di gnome-desktop-environment. Non so il perchè e non ne sono sicuro, sicuramente ne sapete + di me =D

    RispondiElimina
  10. @Captain Ron
    Ho riprovato ad eseguire la procedura per sicurezza, ma sinceramente devo dirti che trovo molto molto molto improbabile (per non dire impossibile) che la scomparsa di quei pacchetti sia legata a plymouth. Sicuro di non aver fatto altre operazioni?

    @All: ripetendo l'operazione per verificare il problema dell'amico, ho notato che l'installazione di plymouth non si porta più dietro plymouth-themes-all, che va quindi installato a mano...provvederò ad aggiornare la guida!

    RispondiElimina
  11. @Captain Ron
    Sicuramente, hai giocato con i metapacchetti.
    Cf. http://guide.debianizzati.org/index.php/Gestione_dei_metapacchetti

    RispondiElimina
  12. L'altra operazione che ho eseguito, che potrebbe aver rimosso quei pacchetti riguarda ubuntu tweak. Dopo averlo installato mi ha chiedo di aggiornare una 30ina di pacchetti...l'ho fatto (forse anche stupidamente xD). Però non ho notato nessun cambiamento. E' stato dopo l'installazione di plymouth, con relativo reboot quando ho notato che il puntatore era cambiato, quindi i temi erano scomparsi...

    RispondiElimina
  13. @Captain Ron probabilmente perchè tutte le operazioni hanno avuto effetto dopo il reboot.
    Però qualcosa non mi torna...Ubuntu Tweak? Su che sistema sei?

    RispondiElimina
  14. Sono su Debian, ma pensavo che ubuntu tweak fungesse anche su debian =D

    RispondiElimina
  15. @Captain Ron
    L'unica utilità di Ubuntu Tweak è quella di disporre di un ampio database di repositories di launchpad dedicato ad Ubuntu e di interfacciarsi con il "nuovo" comando "add-apt-repository", che su debian, PER FORTUNA, non esiste e non funziona.

    I repositories di debian offrono di tutto di più e comunque aggiungere repositories a cdc serve solo a snaturare la natura di questo s.o., che si basa su un unico e fondamentale concetto: la STABILITÀ!

    Leggi la guida che ti ho sopra linkato e rimuovi con violenza Ubuntu Tweak e tutte le sue dipendenze.

    RispondiElimina
  16. @Doc
    Sisi Ubuntu Tweak l'ho già rimosso (con violenza)

    RispondiElimina
  17. Ciao Milozzy,
    concordo, questi temi sono un più brutto dell'altro...
    Sarà che ho la nausea dell'azzurrino, sarà che non mi va di ritrovarmi con una brutta imitazione di Fedora, dopo averli provati tutti avevo ripiegare sul fallback testuale, "details".
    Ma non volendomi dare per vinto, ho finito col crearmene uno, adattando a Debian questo tema di Charlie Brej:
    http://brej.org/blog/wp-content/uploads/2009/12/vizta.ogg
    Te lo allego, spero ti piaccia. Nell'archivio trovi le istruzioni su come testarlo e installarlo. Ho aggiunto anche l'immagine di sfondo per grub, nel caso volessi una cosa uniforme:
    http://rapidshare.com/files/431286234/vizta-deb.tar.gz
    Ciao Lac

    RispondiElimina
  18. Vabbeh! Ho capito che non è piaciuto molto...
    Hahah! E dire che è il mio preferito. :D

    Allora ne posto altri due (come minacciato), questi sono un po' più seri.
    Versione monocromatica di space-sunrise per Debian:
    http://rapidshare.com/files/431508753/space-sunrise.tar.gz
    Versione Debian di Ubuntu-logo su sfondo nero:
    http://rapidshare.com/files/431508718/debian-logo.tar.gz
    Stessa modalità di installazione del precedente.

    Visto che per Debian al momento non si trova praticamente nulla in rete, se mi deciderò a fare anche una variante azzurrina, mi sa che li posterò su debianart.

    RispondiElimina
  19. @lihin
    Ciccio, nessuno di noi usa plymouth ed anzi ci meravigliamo del fatto che una persona seria come te possa perdere tempo su queste cose! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah! Ah!

    Vuoi mettere il boot testuale?

    RispondiElimina
  20. @lihin

    Ciao Lac!!
    Lascia perdere Doc!!

    Grazie mille per i temi, molto graditi!
    Come dicevi tu, in rete non si trova nulla per Debian quindi secondo me fai benissimo ad upparli da qualche parte! Tutti, non solo la versione azzurrina!

    Ti ricordo che in questi giorni hanno scelto il tema grafico di Squeeze e che da quanto ho capito non hanno un tema plymouth... ;)

    In questi giorni sono molto impegnato, ma appena ho due minuti li provo e li propongo nell'articolo!

    Grazie ancora!

    RispondiElimina
  21. ps. la versione space-sunrise non è più scaricabile!

    RispondiElimina
  22. Provati i due con link funzionante...e Lac, sei un fenomeno!!! Davvero bellissimi!!

    Ribadisco: sei così abile che sarebbe un peccato se non mostrassi le tue abilità anche nella mailing-list Debian-Desktop...secondo me se adatti un tema plymouth al tema di default per Squeeze (http://wiki.debian.org/DebianArt/Themes/SpaceFun) lo inseriscono nel rilascio di sicuro!
    Piccolo suggerimento: potresti partire magari dal tema fade-in che di suo manda a video delle specie di stelline simili a quelle del wallpaper space fun?

    RispondiElimina
  23. Milo,
    oops hai ragione! Ho usato un vecchio link, ormai cancellato...
    Beh, poco male. Visto che ho deciso di postarli su debian-art, ti posso linkare la versione definitiva, con qualche piccolo aggiustamento e un po' di pulizia nel codice:
    http://rapidshare.com/files/431861487/3debian-plymouth.tar.gz

    Ti ringrazio per i complimenti, che fanno sempre piacere, ma ti assicuro che ho ben pochi meriti. Mi sono limitato a manomettere il lavoro fatto da altri, anche se l'idea di fare qualcosa di originale mi intriga, vedremo...

    Per il tema di Squeeze, l'ho visto e, nonostante le diffuse critiche di infantilismo, (anche se è blu) a me piace. Lo trovo divertente!
    Sì, un'animazione plymouth ci starebbe bene. Voglia e tempo permettendo, ci faccio un pensiero.

    Doc, se tu sapessi... Faccio parte della schiera di coloro che, nei tempi andati, si patchava il kernel per avere il boot con pinguino e testo colorato... Hahah!

    RispondiElimina
  24. Grazie mille, allora mi divertirò a provare anche questo!
    "Mi sono limitato a manomettere il lavoro fatto da altri" LOL! Hai praticamente detto open source :P

    Per il tema prescelto è vero, ha subito molte critiche, ma come sai quelle fanno più rumore dei complimenti...so che è anche piaciuto a molti...io personalmente ho votato Lisp Machine perchè apprezzavo molto l'idea e la realizzazione (ed è il mio attuale desktop), però anche a me piace molto pure Space Fun, trovo buona l'idea di richiamarsi alla mascotte del rilascio, tant'è che quello "Screenshot Proposal" che puoi vedere nella pagina del tema nel wiki di Debian è opera mia (StingBL è un'altra delle mie personalità multiple :D).
    Quindi adesso non mi puoi lasciare senza tema plymouth :)

    ps. come mai quest'odio per il blu? :D

    RispondiElimina
  25. @lihin
    Ma allora eri giovane! :-)

    RispondiElimina
  26. Per il tema di Space Fun non ci siamo ancora, lol!
    Però, e te lo posto perché c'è qualcosa che si adatta a LMDE (non uso Mint, ma anch'io uso Shiki-Wise), qualche variazione su un tema tipo Spinfinity.
    Il tema Spinfinity originale non è un tema fatto con uno script, è scritto in C e fa parte integrante di Plymouth. Con questo, che è uno script, al contrario dell'originale, si può impostare il colore di sfondo che si vuole.
    http://debian-art.org/content/show.php/Plymouth+Spinfinity+variants?content=135283

    RispondiElimina
  27. @lihin

    Ma grandissimo!! Scusa se non li ho ancora segnalati nell'articolo ma sono un po' preso!
    A proposito...quale personalità multipla devo accreditare? Lacunoso, lihin o gajm? :)

    RispondiElimina
  28. Mah, per me puoi anche aggiungere senza accreditare...
    Se li vuoi mettere in guida, meglio se usi i link a debian-art, che così sei sicuro che siano aggiornati, e io posso eliminare quelli vecchi.
    Infatti, ho già modificato il primo gruppo, aggiunto un tema blu a sunrise e migliorato quello monocromatico...
    Per comodità ti posto entrambi i link, così eviti di dover cercare:

    http://debian-art.org/content/show.php/3+Plymouth+themes+for+Debian?content=135217
    http://debian-art.org/content/show.php/Plymouth+Spinfinity+variants?content=135283

    RispondiElimina
  29. @lihin

    Benissimo, grazie!
    Io li uso già ;)

    ps. nella mailing list di Debian Desktop è stato proposto questo tema per basato su space fun: http://git.thetys-retz.net/plymouth-spacefun
    Te/ve lo segnalo, tuttavia non ho ancora avuto modo di provarlo!

    RispondiElimina
  30. Haha! Provato subito...
    È "tremendo"! In senso buono. :D
    Rende moooolto di più del tema statico.

    RispondiElimina
  31. Ciao Milo,
    in questi gg di passaggio a Squeeze sulle macchine fisse, ho aggiunto l'ormai irrinunciabile Plymouth (anche perché di alternative non ce ne sono più) su configurazioni con driver proprietari Nvidia.
    Per quanto il link da te segnalato possa essere utile, non è molto chiaro e un po' vago e approssimativo... So che siete allergici ai riferimenti a *buntu, ma quando ci vuole...
    Volevo segnalarti il link da cui origina il work around, risulta più chiara la procedura ed i componenti coinvolti:
    http://idyllictux.wordpress.com/2010/04/26/lucidubuntu-10-04-high-resolution-plymouth-virtual-terminal-for-atinvidia-cards-with-proprietaryrestricted-driver/

    Ciao, alla prossima!

    RispondiElimina
  32. @lihin

    Ciao Lac (scusa mi riesce difficile ancora non chiamarti così :D ) grazie mille per il riferimento. Sinceramente, finchè c'è da imparare qualcosa personalmente non ho nessuna antipatia...semplicemente non conoscevo il link, grazie per avermelo segnalato!
    Le istruzioni sono le stesse ma effettivamente è spiegato meglio il discorso legato alla risoluzione.

    ASAP provvederò ad integrare l'articolo, finalmente inserendo anche i tuoi bellissimi temi! scusa ma le scadenze universitarie premono!

    A proposito, fenomenale il tema sunrise modificato, complimentoni! Tra l'altro è l'unico che mi mostra l'animazione anche in uscita sul portatilone con i driver nvidia...boh!
    Davvero figo, ormai è il mio di default :)

    RispondiElimina
  33. Con colpevolissimo ed imperdonabile ritardo ho aggiornato il post, con tutti i consigli del buon lihin!!!

    RispondiElimina

Chiunque può commentare. Anzi, siete altamente incoraggiati a commentare

Se avete una miglioria o qualche consiglio che pensiate migliori la guida sarete i benvenuti. Vi sarà riconosciuto onore e verrete citati in modo doveroso. Non esitate a comunicarci dubbi e/o critiche. Le migliori guide sono quelle che si fanno insieme, ed è questo lo spirito che vogliamo mantenere.

NOTA BENE: Se avete critiche riguardo alla gestione di questo blog potete inviarle al nostro indirizzo: netbookteam [at] gmail [dot] com. Chiediamo quindi di farle in modo privato, per non generare confusione nelle discussioni tecniche che si trovano qui nei commenti. Grazie.